Storia del caffè, dall’Etiopia al Brasile

Amici di Marcafè ben tornati!! Oggi vogliamo raccontarvi la storia di come il caffè sia arrivato, dalle mani di un pastore etìope, fino in Brasile…
Secondo una famosa leggenda, un uomo di nome Kaldi, un pastore di capre vissuto nell’850 d.C. in Etiopia, fu la prima persona ad assaggiare i chicchi di caffè. La scoperta avvenne quando, Kaldi, incuriosito dal comportamento più attivo del normale delle capre che avevano mangiato l’arbusto selvatico, provò ad assaggiarlo e ne portò una cesta ai monaci di un convento per farlo esaminare.
I monaci non sembrarono interessati ai poteri eccitanti della pianta e la bruciarono, scoprendo così che questa sprigionava un intenso aroma grazie al calore e ipotizzarono che i chicchi tostati sarebbero potuti essere la base per una buona bevanda calda ed energetica.
Dalla scoperta del pastore alla prima tazzina di caffè trascorsero secoli di curiosità, esperimenti e tentativi fino a quando gli etìopi divennero devoti bevitori di caffè; ancora oggi, infatti, la bevanda viene servita seguendo un’ elaborata cerimonia.

Con il passare dei secoli il caffè venne esportato e fatto conoscere nei paesi arabi, in Turchia e in Europa e solo dopo, alla fine del 1700 arrivò in Brasile.
Fu un generale francese a portare con sé, nei territori oltre oceano, una pianticella di caffè per produrne il prezioso frutto. A causa di una forte disputa territoriale i francesi dovettero scontrarsi con gli olandesi e venne proclamato arbitro dello scontro un funzionario brasiliano che, provata la bevanda prodotta dai chicchi di caffè, si fece consegnare una pianticella, fu così che il caffè arrivò in Brasile. La coltivazione della pianta cominciò a svilupparsi e già dopo 50 anni si espanse in maniera inimmaginabile.
Nel corso dei secoli l’industria del caffè in pieno accrescimento attrasse milioni di immigrati e  San Paolo si trasformò, da una cittadina di piccole dimensioni, nel più grande centro industriale del mondo in via di sviluppo e oggi, il Brasile, è  responsabile di circa 1/3 della produzione mondiale di caffè.
Con questo vi salutiamo e vi diamo appuntamento alla prossima tappa del nostro viaggio!

counter