Ti trovi in:  Home  » Blog & Caffè  » Espresso Martini

Espresso Martini

Quest’oggi vi accompagneremo a Londra nel 1983 dove una modella dopo una lunga giornata decide di entrare in un bar per prendere qualcosa da bere, qui trova Dick Bradsell un Barman che sentendosi chiedere un Cocktail capace di svegliarla e tenerla ancora attiva decise di sperimentare qualcosa di nuovo.

Bradsel prese uno shaker e vi mise dentro ghiaccio una tazzina di caffè espresso, 5cl di Vodka, 1cl di Kahula e sciroppo di zucchero, agitò il tutto e filtrandolo lo versò in  una coppa da cocktail ben fredda per servire il tutto a basse temperature e con una decorazione di alcuni chicchi di caffè sulla superfice.

Il risultato fu ottimo e da allora non fu apprezzato soltanto dalla fortunata modella ma da tutto il mondo.

Questa è la ricetta originale ma vi invitiamo a provarlo anche con un a grappa per dare una nota ancora più particolare al tutto.

Un consiglio che vi diamo in fase di preparazione è quello di agitare con cura lo sheker affinche si venga a creare la giusta schiuma alta e consistente che possa reggere i chicchi di caffè per la decorazione e che vada a formare così un secondo strato dando la percezione di un vero e proprio secondo livello all’interno del nostro calice.

Che dire un Cocktail perfetto sia d’inverno che d’estate se servito con scaglie di ghiaccio a mo di granita o per accompagnare un affogato al caffè con un pò di gelato alla crema.

counter