Caffè si... caffè no? Proprietà e insidie

Il caffè per noi italiani è un rito quasi irrinunciabile, una passione esportata nel mondo e radicata nel tempo che racconta la storia del Bel Paese e segna con fermezza la forza del Made in Italy.

Una tazzina di caffè contiene molteplici sostanze ad oggi ancora analizzate e studiate da esperti del settore ma ricche di già note proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie;  tra le principali caratteristiche di questa bevanda così amata vi è senza dubbio la presenza della caffeina, una componente dotata di molteplici particolarità in grado di influienzare la salute umana; ecco come agisce:

  • stimola la secrezione gastrica e quella biliare, facilitando la digestione;  
  • aiuta a tonificare e stimolare le funzioni del cuore e del sistema nervoso e per tali ragioni è molto apprezzata da chi ne ricava energia e carica;
  • stimola l'utilizzo dei grassi a scopo energetico e facilita la termogenesi incrementando la quantità di calorie "bruciate" e favorendo il dimagrimento;
  • riduce l'appetito a causa del suo effetto anoressizzante.

I benefici sopraelencati non giustificano però un utilizzo troppo elevato di caffeina o di caffè dato che come in ogni circostanza... anche un buon espresso all'italiana ha i suoi retroscena negativi:

  • se usato in modo eccessivo può provocare tachicardie e ipertensioni anche su soggetti sani;
  • in caso di utilizzo eccessivo l'effetto stimolatorio sulla secrezione gastrica può provocare danni al sistema digerente, per tali ragioni se si soffre di gastrite, ulcera o reflusso gastroesofageo è meglio non assumere caffè;
  • nei casi di insonnia o ipertensione può rivelarsi dannoso a causa dei suoi effetti smolatori;
  • quando viene assunto con l'aggiunta di zucchero o di latte, l'effetto lipolitico che favorisce il dimagrimento si annulla o si capovolge.

In una tazzina di caffè possono concentrarsi benefici e rischi elevati a seconda dell'individuo e della quantità assunte ma in linea di massima si può dire che un buon caffè non fa male a nessuno... anche se in casi particolari è sempre opportuno chiedere a personale esperto e di fiducia.

counter